Il Medioevo tra luci e ombre - Il Medioevo tra luci e ombre

Il Medioevo tra luci e ombre

Medioevo, era di mezzo, secoli bui, espressioni che utilizziamo spesso senza rifletterci tanto, abituati agli insegnamenti e alle convenzioni della nostra educazione.

Sappiamo per certo che gli storici datano l’inizio di questa epoca alla caduta dell’Impero romano d’Occidente nel 476 e la sua conclusione nel 1492 con la scoperta dell’America.

Ben dieci secoli racchiusi in un solo termine che non può essere esaustivo, e infatti un’analisi più profonda individua l’Alto e il Basso Medioevo, rispettivamente dal 476 al 1000 e sino al 1492.

La letteratura gotica

Il Medioevo tra luci e ombre 2 - Il Medioevo tra luci e ombre

Tanto del fascino esercitato dal Medioevo nel nostro immaginario lo si deve alla letteratura gotica, genere nato tra il 1760 e l’inizio del 1800.

Le peculiarità di questo nuovo corso letterario sono da ricercare non solo negli elementi tipicamente medievali relativi alle ambientazioni, ma anche al senso di inquietudine e di orrore che non di rado ha una componente religiosa e soprannaturale.

Oggi l’atmosfera misteriosa e lugubre tipica del romanzo gotico la possiamo trovare descritta in dettaglio anche nelle ambientazioni delle slot e degli altri avvincenti giochi online che, oltre ad appassionare i giocatori, offrono tante opportunità di vincere premi e sfidare gli altri utenti connessi.

Le diverse epoche medievali

Il Medioevo tra luci e ombre 1 - Il Medioevo tra luci e ombre

Le suddivisioni eseguite dagli storici servono a dare più coerenza all’interno di un periodo storico di oltre 1000 anni. Così gli anni dell’Alto Medioevo hanno come filo conduttore la predominanza del mondo barbarico, la crisi demografica e il conseguente spopolamento delle città, la diffusione del cristianesimo e l’affermazione del primato della Chiesa romana.

Differente è il fil rouge che fa da collante durante il Basso Medioevo: assistiamo all’aumento della popolazione e allo sviluppo di una società molto più complessa, con la nascita della borghesia e l’aumento dei commerci.

L’accentramento dei luoghi di potere ridefinisce gli spazi egemoni, così castelli e signorie si trasformano in città sino a originare le prime monarchie moderne.